Alimentazione sana: da dove cominciare?

Quante volte ti sei ripromesso di cominciare a “mangiare bene”? E quanto tempo sei riuscito a mantenere il tuo proposito?

Mangiare in modo consapevole e salutare è un passaggio essenziale per permettere al nostro organismo e alla nostra mente di funzionare al meglio. Ma non è sempre così facile e probabilmente lo sai bene.

Il modo in cui pensiamo al cibo, a mangiare e alla dieta ha un enorme influenza sul comportamento alimentare e sulle emozioni ad esso collegate. A volte il cibo viene utilizzato proprio per riempire un vuoto emotivo che non sappiamo come colmare, oppure per calmare l’ansia o la rabbia. Spesso ci capita di mangiare in modo automatico, senza prestare attenzione a quello che stiamo facendo, aumentando le dosi molto al di sopra della quantità realmente necessaria.

La buona notizia, però, è che esiste la possibilità di imparare ad alimentarsi con consapevolezza. La terapia cognitiva aiuta le persone a mantenere una alimentazione sana o a seguire una dieta, permettendo di identificare quei “pensieri sabotanti” che spesso fanno sgarrare o abbandonare i buoni propositi. 

Vuoi sapere come funziona nella pratica un percorso psicologico incentrato sull’alimentazione? Vuoi qualche consiglio per imparare a gestire meglio il tuo rapporto con il cibo?

Ecco alcuni step per prepararsi a seguire una dieta o acquisire uno stile alimentare sano:

  1. Registra i vantaggi dell’alimentazione sana.

Per prima cosa devi lavorare sulla motivazione. Cosa ti spinge a cambiare stile alimentare? Quali sono i vantaggi derivanti da una alimentazione sana? In che modo migliorerà la tua vita? Avere chiari i benefici della tua scelta, ti aiuterà a proseguire anche quando le cose si faranno difficili. 

  1. Scegli una dieta equilibrata con l’aiuto di un professionista della salute.

L’alimentazione deve essere adatta al tuo stile di vita e alle tue condizioni di salute. In questo campo il fai da te può essere pericoloso. È importante per questo concordare la dieta che deciderai di seguire con un medico esperto in alimentazione, che possa consigliarti sulla base della tua situazione specifica. 

  1. Mangia stando seduto a tavola.

Sei di fretta e fai colazione al volo mentre ti prepari per uscire? Il pranzo sul lavoro lo consumi davanti al pc? Mangi guardando la tv? Tutte queste abitudini distolgono la tua attenzione dall’attività che stai facendo e che richiede consapevolezza. Se non fai attenzione a quello che mangi e in che modo lo fai, ti ritroverai a mangiare più del dovuto e non apprezzare il cibo che consumi. 

  1. Riconosciti il merito dei comportamenti sani.

Una volta che cominci a seguire le buone abitudini che ti sei posto, è importante premiarti per i tuoi successi. Sei riuscito a non saltare i pasti? Premiati, ma attenzione a non usare il cibo come ricompensa! Scegli in anticipo cosa puoi concederti ogni volta che raggiungi un tuo obiettivo, ti aiuterà a rimanere motivato. 

  1. Mangia lentamente e con consapevolezza.

La Mindfulness ci insegna a porre attenzione al momento presente in modo non giudicante. Mangiare è un momento ideale per fare esercizio di consapevolezza. Osserva il tuo piatto, i colori degli alimenti, il loro profumo e la consistenza. Prenditi tutto il tempo necessario per gustare ciò che mangi. 

  1. Trova una persona che ti segua nel tuo percorso alimentare.

Per quanta buona volontà ci sia nell’intraprendere una dieta spesso la motivazione cala, soprattutto se ti trovi ad affrontare le difficoltà da solo. Puoi accordarti con qualche amica o amico per seguire la dieta insieme oppure puoi farlo con la tua famiglia. Se hai già provato diverse volte ma non riesci proprio a mantenere la costanza allora lo psicologo fa al caso tuo. Un terapeuta preparato in alimentazione sana ti aiuterà a concentrare le energie sulle buone abitudini e a contrastare tutti quei pensieri che minano il successo della tua dieta.  

  1. Adatta il tuo ambiente alla tua alimentazione.

Infine se stai pensando di cominciare subito a cambiare alimentazione fai attenzione ad avere a casa solo cibi concessi, così quando sentirai la tentazione di mangiare qualcosa che non ti fa bene la tua dispensa saprà proporti valide alternative. 

Ora tocca a te prendere in mano la tua vita e renderla migliore! Ricorda che se hai bisogno, chiedere aiuto ad un professionista della salute, ti aiuterà a stare meglio con te stesso e con le persone che ti circondano.  

 

Bibliografia

Beck, J. (2008). Dimagrire con il metodo Beck. Impara a pensare da magro. Edizioni Centro Studi Erickson.

Talia Urso, Psicoterapeuta

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *